Circolare Nuovo Accordo Stato-Regioni: novità in materia di formazione

NUOVO ACCORDO STATO-REGIONI IN MATERIA DI FORMAZIONE RSPP E ASPP E ALCUNE MODIFICHE RELATIVE ALLA FORMAZIONE LAVORATORI, PREPOSTI, DIRIGENTI, DATORI DI LAVORO E ALL’UTILIZZO DI PARTICOLARI ATTREZZATURE DI LAVORO

lo scorso 07 luglio 2016 è stato approvato un nuovo Accordo Stato – Regioni in materia di formazione relativo a:
• nuova individuazione dei percorsi formativi per RSPP e ASPP (con contestuale abrogazione del precedente Accordo del gennaio 2006);
• alcune modifiche all’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 sulla formazione di lavoratori, preposti e dirigenti;
• alcune modifiche all’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 sulla formazione di datori di lavoro che svolgono direttamente il ruolo di RSPP;
• alcune modifiche all’Accordo Stato Regioni del 22/02/2012 sulla formazione per l’utilizzo di particolari attrezzature di lavoro (ad es. carrelli elevatori, piattaforme di lavoro elevabili, macchine movimento terra, gru, ecc.).
L’Accordo è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il giorno 19/08/2016 (serie generale n. 193). Le nuove regole entreranno in vigore il giorno 03/09/2016. Di seguito illustriamo le principali novità introdotte dall’Accordo…

16_1828_LE_NuovoAccordo_SR_Formazione_RSPP

Nuovo Modello OT24

L’INAIL ha pubblicato, con anticipo rispetto agli anni scorsi, il nuovo modello OT24 per richiedere una riduzione consistente del tasso di tariffa in relazione agli interventi migliorativi adottati dalle aziende nel corso del 2015. Le istanze che potranno essere inoltrate entro il 29 febbraio 2016.

Legge n. 125 del 6 agosto 2015

In vigore dal 15 agosto 2015 la Legge n. 125 del 6 agosto 2015 di conversione del Decreto Legge 78/15, che introduce novità in materia di gestione rifiuti: si evidenziano le modifiche alla definizione di produttore di rifiuti e di deposito temporaneo e le “nuove” modalità di classificazione dei rifiuti per la caratteristica di pericolo HP14.

Decreto Legislativo 26 giugno 2015

E’ stato pubblicato il Decreto Legislativo 26 giugno 2015, n. 105 che recepisce in Italia la Direttiva 2012/18/UE (denominata “Seveso III”). Tale disposto normativo, in vigore dal 1° giugno 2015, si applica agli stabilimenti in cui sono presenti specifiche sostanze pericolose riportate nell’Allegato I della stessa e contiene norme mirate a prevenire gli incidenti rilevanti e a limitarne le conseguenze per la salute umana e per l’ambiente.